Cinqueterre Campogrande Altare  Bonanni

I   HOME     I    WINE     I     VINEYARDS       GRAPES     I    WINERY     HISTORY AND CULTURE    I    ABOUT US     I     NEWS     I    CONTACT    I    IT    DE   I

 

Good-bye, Carlo Gasparini

Our friend Carlo Gasparini has gone. He died in the morning of the 4th April 2011 at the age of 73. Together with his brother Giandomenico he made an outstanding Sciacchetrà for the family and for friends. The wine of the two brothers, made with great passion, is a beautiful example of the traditional Sciacchetrà, and who was invited to taste it felt really honoured.

We have wonderful memories of the hours we passed with Carlo and Giandomenico in the vineyard and in the tiny cellary where we could taste their legendary wine.

Good-bye Carlo, we will never forget you.

<<

Carlo Gasparini



Ciao, Carlo dei Zaneli, amico di tutti.


Quasi tutte le mattine, era il primo ad aprire la cantina di Via Telemaco.

Saliva di buon ora a Vernazza, dove abitava, sul solito treno locale che lo portava a Riomaggiore.

Intanto che aspettava suo fratello Giandò, che scendesse, si cambiava gli abiti “buoni”, con quelli del lavoro: pantaloni e giubbetto di stoffa blù e cappellino di cotone bianco alla “cinese”. 

“Carlo tei pruntu, aspettu er capu”. Carlo sei pronto, aspetto il comandante Giandò. Era solito rispondere a quelli che lo salutavano.

Raggiungevano il “Novale” con il motocarro verde. Salivano sino in cima alla “Costa”, oltre era bosco. Vista mozzafiato sul paese, sul mare, e di fronte li guardava la Madonna di Montenero.

La pausa pranzo era come un rito. Le braci giuste, pronte per ospitare la carne con due salcicce. Contorno di pomodori con insalata, pane, bottiglione dal vino.

Caffè della moka.

Non sappiamo chi fosse dei due l’attore principale ma erano una buona spalla l’uno per l’altro.

Inseparabili.

Sempre allegri, sorridenti, educati, garbati anche quando si doveva essere battaglieri.

Carlo, come farà Giandò senza la tua spalla.

Quando raggiungeremo il bivio per scendere al paese, lo sguardo ai vigneti della “Costa” è inevitabile, sarà il nostro modo di pensarti, “sempre” presente a lottare con questa terra a cui eri tanto legato.

Un abbraccio affettuoso. Cin Cin Carletto.


Doriano Franceschetti